Procedure taglio lamiere

Regole del forum
SI PREGA GLI UTENTI DI POSTARE UNA DOMANDA E UN ESEMPIO GRAZIE.

(disegno, foto, immagine, pdf, doc, stp)
Rispondi
Arkimede82
Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: 23 novembre 2019, 13:12

Procedure taglio lamiere

Messaggio da Arkimede82 »

Buongiorno, dovrei mandare delle lamiere sagomate al taglio e successivamente la piega..... qual'è la procedura oltre ad appiattire la lamiera?
Avatar utente
PassioneCAD
Amministratore
Messaggi: 41
Iscritto il: 21 novembre 2019, 11:01

Re: Procedure taglio lamiere

Messaggio da PassioneCAD »

Arkimede82 ha scritto: 14 marzo 2020, 10:49 Buongiorno, dovrei mandare delle lamiere sagomate al taglio e successivamente la piega..... qual'è la procedura oltre ad appiattire la lamiera?
Secondo la mia esperienza, i lamieristi hanno punzoni differenti, macchine differenti, e sistemi differenti.
Quindi, dare una tavola con inserito lo sviluppo della lamiera, è rischioso perché non è detto che lo sviluppo che calcola Solidworks, corrisponda allo sviluppo che dovrebbe avere una lamiera, piegata dal lamierista X o il lamierista Y.
In particolare, il fattore K incide in maniera determinante.

La procedura che ho adottato, in questi anni, è quella di mandare al fornitore, una tavola con le tre viste, ed eventualmente una vista appiattita senza quote.
Eventualmente un file in formato STEP per essere sicuri che il pezzo venga eseguito correttamente.
mommi
Utente
Messaggi: 21
Iscritto il: 18 febbraio 2020, 6:54

Re: Procedure taglio lamiere

Messaggio da mommi »

ilmondodidave73 ha scritto: 14 marzo 2020, 12:08
Arkimede82 ha scritto: 14 marzo 2020, 10:49 Buongiorno, dovrei mandare delle lamiere sagomate al taglio e successivamente la piega..... qual'è la procedura oltre ad appiattire la lamiera?
Secondo la mia esperienza, i lamieristi hanno punzoni differenti, macchine differenti, e sistemi differenti.
Quindi, dare una tavola con inserito lo sviluppo della lamiera, è rischioso perché non è detto che lo sviluppo che calcola Solidworks, corrisponda allo sviluppo che dovrebbe avere una lamiera, piegata dal lamierista X o il lamierista Y.
In particolare, il fattore K incide in maniera determinante.

La procedura che ho adottato, in questi anni, è quella di mandare al fornitore, una tavola con le tre viste, ed eventualmente una vista appiattita senza quote.
Eventualmente un file in formato STEP per essere sicuri che il pezzo venga eseguito correttamente.
faccio la stessa identica cosa anche io disegno con tutte le viste possibili con eventuale file stp.
le quantita dei pezzi variano a seconda della difficolta piu un pezzo e difficile piu e soggetto a variazioni di durezza quindi , per il seguente motivo fornire 3 o anche una decina di pz in piu puo aiutare a limitare il ritaglio che implica uno spreco di tempo inammissibile.

il fattore k e variabile a seconda dello spessore e del materiale ma non solo dipende anche da dove lo tagli se lo tagli a laser la maggiorparte dei materiali ferrosi si temprano leggermente, invece se viene tagliato con una punzonatrice il fattore k di solid e abbastanza preciso se impostato bene con i rispettivi materiali .

conclusione

ho esperienza sia in taglio laser che in taglio a punzonatrice e attualmente sono impiegato nel settore delle punzonatrici e piegatrici,
io eseguo questo procedimento:
- eseguo 3d con messa in tavola di tutti particolari o particolare unico
- eseguo il nesting con taglio (nel tuo caso il nesting lo fa il controterzi )
- stampo e consegno ai miei piegatori (nel tuo caso invia i pdf ed il file stp. al controterzi )

io con tanti fornitori invio direttamente il file stp. e basta, se pero vuoi limitare il lavoro e accelerare i tempi di consegna ti conviene fare anche il disegno con messa in tavola.
Rispondi